Allerta meteo, a Napoli scuole aperte

Allerta meteo arancione fino alle ore 18 di oggi 29 novembre 2021: chiuse le scuole in molte città della Campania. Non a Napoli, dove sono chiusi invece parchi e giardini pubblici, per pericolo caduta alberi a causa di venti di burrasca. Mare molto mosso con possibili mareggiate lungo le coste campane. Ieri, proprio per il maltempo, a Napoli è ceduta una strada in zona Piazza Carlo III e sono state evacuate alcune famiglie che risiedono in alcuni palazzi della zona.

Allerta meteo. L’allerta arancione interessa in particolare le seguenti aree: Piana Campana, Napoli, Isole, Area Vesuviana; costiera Amalfitana e Sorrentina, monti di Sarno e monti Picentini; Tusciano e Alto Sele; Piana del Sele e Alto Cilento; Basso Cilento. Oltre ai temporali anche intensi, previste frane, smottamenti, esondazioni di fiumi. Tutto ciò è la diretta conseguenza di 5 giorni ininterrotti di pioggia e temporali, anche di forte o fortissima intensità che non abbandona la città di Napoli e la Campania tutta. Previsto nelle prossime ore anche un abbassamento delle temperature con il primo freddo invernale in arrivo, anche se siamo ancora in autunno in realtà. Saranno soprattutto le minime a calare sensibilmente e, complice la forte umidità, è probabile che vedremo quanto prima il Vesuvio imbiancato. Lo stesso avverrà probabilmente sulla cima del Monte Faito e le zone interne più alte come alta Irpinia e Alto Sannio, al confine tra Campania e Molise.

Cosa cambia rispetto alle allerte meteo precedenti? Semplice: che le scuole a Napoli restano aperte. Una chiara indicazione della nuova amministrazione rispetto alla precedente, che ad ogni avviso di meteo perturbato chiudeva le scuole del capoluogo campano e spesso si rivelavano blande o addirittura si faceva capolino il sole. Gravi i disagi per le famiglie che spesso, anche tre volte a settimana, non sapevano dove lasciare i figli. Ora cambia tutto. A meno di cataclismi le scuole in città resteranno sempre aperte. Come del resto avveniva prima del decennio “rivoluzionario” del sindaco precedente.

Contact Us