La Roma risveglia il Napoli da stupidi sogni

Napoli – Roma 1-1. Nel recupero finale la Roma di Mourinho agguanta il Napoli e spegne gli irrazionali sogni scudetto di una squadra per nulla attrezzata per quel traguardo.

Napoli – Roma 1-1. Il pareggio di ieri al Maradona in realtà sta anche stretto ai giallorossi che, dopo la prima mezz’ora in cui la squadra di Spalletti giochicchiava e provava a pungere (ma con zero tiri in porta), hanno preso in mano il gioco per il resto della gara. Intendiamoci, gli azzurri hanno anche meritato di andare al riposo in vantaggio, se non altro per il rigore procuratosi con la solita incursione di Lozano. Ma nella ripresa sono stati surclassati sul piano fisico: un’abissale differenza di velocità e aggressività è emersa nella ripresa e man mano che passavano i minuti è diventata più evidente.

Diciamoci la verità: le preparazione atletica dal Napoli fa vergogna. Nel momento topico della stagione tutta la rosa azzurra è venuta meno sul piano fisico e in particolare, ovviamente, negli uomini chiave che sono poi quelli che giocano di più. Basta guardare le formazioni iniziali di Spalletti: al netto di infortuni e squalifiche, giocano sempre gli stessi 11, 12 giocatori. Segno implicito che la panchina per il mister non è affidabile altrimenti vi attingerebbe e non solo negli ultimi 15 minuti quando le cose si mettono male e si va tutti in confusione.

Quante volte ci siamo ritrovati con sei attaccanti in campo nel vano tentativo di buttare la palla dentro e siamo stati puniti in contropiede? Quante partite, quanti punti (specialmente in casa) abbiamo buttato via quest’anno per questo motivo? Ma siamo seri. Può una squadra del genere vincere lo scudetto? Assolutamente no.

Anzi, tutto è dovuto al fatto che quest’anno la Juve è stata penultima per gran parte della fase iniziale del torneo e che ora sta di nuovo arrancando, ecco perché il Napoli si è ritrovato ai primi posti (e al primo tre volte addirittura), per demeriti altrui, non certo per merito suo. Non dimentichiamo che la squadra di Spalletti ha dilapidato un vantaggio di 16 punti sulla Juventus (ora solo a -4). Una squadra di medio-alto livello, non lo avrebbe mai fatto. Una squadra anormale senza né capo né coda come il Napoli di Spalletti e De Laurentiis si. Ecco tutto.

Il pareggio sta anche stretto alla squadra di Mourinho.

Contact Us