Lazio-Napoli, colpo da primato per Spalletti

Lazio-Napoli 1-2. Colpo da primato in casa Lazio per il Napoli di Spalletti che riapre la corsa allo scudetto staccando l’Inter di due lunghezze (ma i nerazzurri hanno una partita da recuperare) e agganciando il Milan al primo posto proprio alla vigilia dello scontro diretto di domenica prossima allo Stadio Diego Armando Maradona.

Lazio-Napoli 1-2. Una partita vivacissima, combattuta colpo su colpo, nella quale forse i padroni di casa avrebbero meritato la vittoria disputando un’ottima partita (come già contro il Porto in Europa League) e dominando il gioco per buona parte della gara. Solo nel finale la squadra dell’ex Sarri è sembrata sulle gambe e ha subito l’arrembaggio degli azzurri. La squadra di Spalletti ha saputo soffrire e giocare di rimessa per quasi tutta la gara ed ha avuto il merito di provarci fino all’ultimo secondo di recupero. I biancocelesti, invece, sembravano contenti del pari…

La cosa che più fa piacere dell’atteggiamento del Napoli è stata l’aggressività in campo, a dispetto di quella mostrata contro il Barcellona, costata l’eliminazione in Europa League. Certo, la squadra capitolina non era certo quella spagnola, ma comunque era un altro Napoli, per nulla arrendevole, anzi. Pur soffrendo spesso (i padroni di casa hanno avuto molte occasioni soprattutto nel primo tempo) gli azzurri non hanno mai rinunciato ad attaccare. In altre stagioni probabilmente la squadra si sarebbe chiusa in difesa ed avrebbe cercato di portare a casa almeno un punto. Invece è stata giustamente premiata. Si è rivista nel finale la “banda di cannibali” dell’epoca di Mazzarri, quella che non mollava mai e spesso ribaltava le gare nel recupero finale.

Tre punti fondamentali alla vigilia dello scontro diretto con il Milan. Con i rossoneri il Napoli è in vantaggio negli scontri diretti in quanto a Milano vinse. Un risultato positivo manterrebbe, dunque, un vantaggio che alla fine della stagione, in un torneo punto a punto, può risultare determinante in caso di arrivo a pari punti. La squadra di Spalletti è in svantaggio solo nei confronti dell’Inter e dell’Atalanta (che però è fuori dalla lotta per il primato). Occhio alla Juventus, però, salita a -7 (dal -14 iniziale) e con un goleador come Vlahovic in più. Ma anche nei confronti dei bianconeri gli azzurri sono in vantaggio negli scontri diretti avendo vinto in casa e pareggiato a Torino.

Imperativo battere il Milan, ma soprattutto non perdere.

Contact Us