“L’eredità Scarpetta” al Trianon Viviani

La rassegna intitolata L’eredità Scarpetta nasce sotto il patrocinio della Fondazione Eduardo De Filippo e consta di due allestimenti teatrali in prima assoluta. Gli spettacoli sono prodotti dal Trianon Viviani. Oltre agli spettacoli, si svolgeranno anche alcuni incontri di approfondimento sull’eredità artistica di Eduardo De Filippo ai giovani artisti, in collaborazione con l’università degli studi di Napoli Federico II.

L’8 novembre 1911 Vincenzo Scarpetta inaugurava il teatro Trianon con Miseria e Nobiltà nel ruolo di don Felice Sciosciammocca, passaggio di testimone col papà Eduardo.

Per approfondire il lascito culturale della famiglia Scarpetta – De Filippo, il direttore artistico del Trianon Viviani Marisa Laurito ha a loro dedicato questa mini rassegna.

Venerdì 6 e sabato 7, alle 21, e domenica 8 maggio, alle 18

andrà in scena “Titina la magnifica”. Drammaturgia di Domenico Ingenito e Francesco Saponaro e liberamente ispirata al libro Titina De Filippo. Vita di una donna di teatro di Augusto Carloni. In scena Antonella Stefanucci nel ruolo di Titina e Edoardo Sorgente che interpreterà tutti gli altri personaggi, maschili e femminili.

Venerdì 13 e sabato 14, alle 21, e domenica 15 maggio, alle 18

ci sarò il debutto de “La donna è mobile“, parodia musicale di Vincenzo Scarpetta.

In scena Luigi Bignone, Giuseppe Brunetti, Viviana Cangiano, Salvatore Caruso, Elisabetta D’Acunzo, Tony Laudadio, Ivana Maione, Davide Mazzella, Biagio Musella, Serena Pisa, Marcello Romolo, Luca Saccoia, Ivano Schiavi e Federica Totaro. La musica dal vivo verrà eseguita dal pianista Mariano Bellopede, che cura anche la direzione musicale e ha firmato gli arrangiamenti. Arcangelo Michele Caso al violoncello e ai plettri e Giuseppe Di Maio al clarinetto. Costumi di Anna Verde, luci di Gianluca Sacco e suono di Daniele Chessa.

Lunedì 23 maggio, alle 11, all’università Federico II, si terrà il primo appuntamento di “2000 Eduardo. Incontri, conversazioni, suggestioni e informazioni per artisti del nuovo millennio”. Questo progetto, curato da Giulio Baffi, prevede una serie di incontri volti a indagare l’influenza che Eduardo De Filippo ha sulle nuove generazioni di artisti. Un modo per confrontarsi in maniera diretta con i giovani che si ispirano a lui.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Contact Us